Inserito in: Alimentazione
15/03/2012

Come fare colazione per restare in forma

Autore:

Siete abituati a prendere una tazza di caffé al volo prima di uscire di casa?
Siete così pigri da preferire cappuccino e cornetto al bar davanti all'ufficio?
Non lasciate che la pigrizia prenda il sopravvento, da sempre i nutrizionisti raccomandano di fare una colazione abbondante, vi spieghiamo come e perché vi aiuta a restare in forma.

Un’indagine Eurisko rivela che solo il 15% degli italiani considera la prima colazione il pasto principale e il 66% gli dedica meno di dieci minuti.
Molti credono che la carica della caffeina sia sufficiente a fornire l'energia necessaria all’organismo per affrontare la giornata ma non è così. Il pasto che segue il riposo notturno, infatti, influenza il nostro metabolismo (di conseguenza, il peso) e la salute gastrointestinale, è dunque  necessario mangiare alimenti solidi.
Saltare la colazione è senza dubbio uno sbaglio che fa ingrassare!

Studi scientifici dimostrano che consumare regolarmente la prima colazione protegge da malattie cardiovascolari e dal diabete. Assumere il giusto apporto di carboidrati e calorie, di prima mattina, previene scompensi ormonali, migliora la funzionalità della tiroide e previene i cali di zuccheri, oltre a diminuire la fame durante la giornata.
 

Una prima colazione da manuale


L’associazione italiana di Pediatria e l’associazione italiana dei Nutrizionisti hanno divulgato le cinque caratteristiche della prima colazione ideale:
 

  1. Regolare: la colazione deve essere consumata ogni giorno della settimana, 365 giorni all'anno.
  2. Completa: per essere un pasto completo deve comprendere: primo, secondo e frutta.
  3. Varia: non bisogna mangiare la stessa cosa ogni mattina.
  4. Equilibrata: la colazione dovrebbe rappresentare il 20% dell'apporto calorico giornaliero e, come ogni pasto, deve essere modulata in relazione all’età e allo stile di vita.
  5. Piacevole: vietate le colazioni in piedi o "in uscita", la colazione va gustata, con calma, in un contesto confortevole.

Come detto per essere uno dei tre pasti principali, la colazione deve comprendere un primo, un secondo e la frutta.
Il primo è rappresentato dai carboidrati, pane o fette biscottate, a questi vanno abbinati le proteine, il secondo, rappresentate da latte o yogurt (di miglio o di riso per chi è intollerante) o, per chi preferisce (e ha tempo) anche dalle uova. Se si segue una dieta per l'aumento della massa muscolare, la colazione è il momento ideale per assumere integratori alimentari a base di serio di latte.
Se si sceglie un'alimentazione vegetariana è possibile assumere proteine vegetali attraverso soia, noci, mandorle e semi vari.
 

L'abbinamento carboidrati e proteine, oltre a favorire il senso di sazietà, è fondamentale per evitare picchi di insulina e le oscillazioni della glicemia (che provocano stress metabolico, affaticano il pancreas, infiammano gli organi).
La frutta è indispensabile perché è ricca di vitamine, fibre e zuccheri semplici.
 

 

Qualche consiglio (accademico) per restare in forma


Da uno studio delle Università di Verona e Parma, è stato rilevato che la colazione migliore è quella a base di cibi a basso indice glicemico, perché questi alimenti stimolano il metabolismo e la produzione di un ormone che induce senso di sazietà. Tra i cibi a basso indice glicemico, fortemente consigliati, ci sono per esempio lo yogurt scremato, le ciliege, l’orzo, il pompelmo, il latte intero, pane e cereali integrali, fruttosio e legumi come la soia.



Rispettate le cinque regole della colazione perfetta e renderete la vostra colazione un momento piacevole e salutare per cominciare la giornata!

Resta aggiornato su sport e fitness cliccando su Mi Piace
Commenta l'articolo
Username
Email
Web
Voto (1) (10)
Commento
Codice Sicurezza
Digitare Codice Sicurezza
  Invia

GLI ULTIMI COMMENTI
Seguici su Facebook