Inserito in: Sport
25/10/2011

Il Cardiofrequenzimetro: l'arma in più degli sportivi

Autore: Giorgia Prisco
Che effetto ha lo sforzo sul nostro organismo? Come risponde il nostro cuore agli stimoli dei nostri movimenti? Per rispondere a queste domande basta avere al polso un cardiofrequenzimetro.

All'apparenza questo oggetto può sembrare un semplice orologio dal design originale, ma in realtà è uno strumento indispensabile, soprattutto per chi si allena in maniera costante e vuole valutare la sua reale prestazione volta dopo volta.

Il cardiofrequenzimetro è uno strumento semplice alla portata di tutti ed utilizzato sempre più frequentemente anche come semplice orologio da polso polifunzionale, per le sue caratteristiche innovative e tecnologiche.

Questo “orologio” misura i battiti del nostro cuore ed indica sostanzialmente quanta fatica stiamo facendo nello svolgimento di qualsiasi attività, anche non necessariamente sportiva. Conoscere la nostra frequenza cardiaca significa capire il livello di sforzo che il nostro corpo sta facendo e calibrare al meglio il nostro allenamento.

I modelli di cardiofrequenzimetri sono differenti, ma le funzioni base sono le medesime: misurazione frequenza cardiaca, illuminazione, cronometro, possibilità di impostare soglie oltre le quali, attraverso un segnale acustico, viene indicato il superamento delle stesse, onde evitare livelli pericolosi di stress cardiaco.

Per coloro che praticano sport aerobici, l'avvento del cardiofrequenzimetro ha segnato una svolta epocale, soprattutto per quegli atleti che hanno bisogno di rilevare costantemente dati relativi al proprio allenamento, ma anche per coloro che tendono a non ascoltare sufficientemente il proprio corpo sottovalutando la mole di sforzo o non sfruttando a pieno le proprie capacità agonistiche.

L'esordio del cardiofrequenzimetro, almeno relativamente all'Italia, vanta come promotore Francesco Moser che nel 1984, per primo utilizzò uno strumento rudimentale, meno evoluto degli odierni, per misurare la propria frequenza cardiaca e la sua prestazione in allenamento, prima di concorrere al record dell'ora.

Il cardiofrequenzimetro del tempo era ovviamente ingombrante, poco raffinato, colmo di fili e decisamente molto costoso. Oggi possiamo disporre di cardiofrequenzimetri leggeri, senza fili, grandi come un normale orologio e dotati di tantissime funzioni.

L'avvento del cardiofrequenzimetro ha segnato una svolta netta negli sport aerobici, quali ciclismo, sci di fondo, nuoto, podismo, ma trova applicazioni varie in ogni sport; se all'inizio questo strumento era un compagno prezioso solo per gli atleti professionisti; oggi tutti possono disporre di uno strumento che segnali e registri l'andamento della frequenza cardiaca. Grazie al cardiofrequenzimetro oggi possiamo tutti conoscere un po' meglio il nostro cuore e rispettarlo mentre ci aiuta a bruciare grassi o a divertirci nel nostro sport preferito.

Approfondimento sui cardiofrequenzimetri:
Resta aggiornato su sport e fitness cliccando su Mi Piace
Commenta l'articolo
Username
Email
Web
Voto (1) (10)
Commento
Codice Sicurezza
Digitare Codice Sicurezza
  Invia

GLI ULTIMI COMMENTI
Seguici su Facebook